Partecipare a un festival durante una vacanza non è solo un’occasione divertente per scattare foto incredibili, ma anche per immergersi nella cultura locale e arricchirsi di esperienze uniche e indelebili. Unisciti a noi per un tour intorno al mondo tra feste colorate, folcloristiche e stravaganti.

1) Pistole ad acqua in Thailandia
Il Capodanno thailandese è l’occasione perfetta per partecipare alla più grande battaglia con pistole ad acqua del mondo. In origine, il Songkran consisteva nello spruzzare acqua sulle persone per purificarle e augurare loro un nuovo anno ricco di positività, fortuna e felicità. Ma nel tempo, la pratica di lavare via la mala sorte e i cattivi auspici è stata portata al livello successivo, includendo pistole ad acqua, secchiate e tubi da giardino. E dato che tutti amiamo le battaglie d’acqua, non c’è da stupirsi se il Songkran attrae visitatori da tutto il mondo. I festeggiamenti per il Capodanno thailandese si svolgono annualmente dal 13 al 15 aprile, ovvero nel mese più caldo dell’anno in Thailandia: quale periodo migliore di questo?!

2) Torce infuocate e qualche drink (di troppo) in Scozia
Per un viaggio lungo il viale dei ricordi, visita Lerwick, sulle Isole Shetland, in Scozia, per assistere al festival del fuoco più grande d’Europa: l’Up Helly Aa, l’evento che segna la fine dello “yule” (il periodo natalizio scozzese). Centinaia di abitanti locali, vestiti da vichinghi, sfilano per le vie della città con delle torce in mano con cui, alla fine del percorso, danno fuoco a un galeone vichingo. Dopo questo imponente e scenografico incendio, la rievocazione prosegue con alcol a fiumi, balli e festeggiamenti vari. Se ti stai chiedendo quanto folle ed esuberante possa essere questo festival di una giornata, ti basterà sapere che il giorno seguente è stato dichiarato festa regionale per riprendersi dalla sbornia.

3) Formaggi rotolanti in Inghilterra
Una cosa sembra ormai abbastanza chiara: i migliori festival partono da un’idea semplice e quello del formaggio rotolante sulla Collina di Cooper non fa eccezione. In un pomeriggio di primavera, persone da tutto il mondo si ritrovano sulla Collina di Cooper a Gloucester, nel sud ovest dell’Inghilterra, con gli occhi puntati su una grossa forma di formaggio Double Gloucester da 4 chili. Il formaggio viene fatto rotolare giù per la ripida collina e i partecipanti gli corrono dietro. La prima persona che riesce a prendere il formaggio vince la competizione. Fine della storia. Non sembra altro che un gioco estremamente divertente, ma il formaggio rotolante è un evento serio: molti dei partecipanti finiscono per provocarsi delle ferite e vengono portati via in ambulanza una volta giunti ai piedi della collina. Ma nonostante i pericoli e le insidie, niente potrà mai smorzare l’entusiasmo della folla e dei “cacciatori di formaggio”.

4) Guerra di pomodori in Spagna
Se ti dicessimo che anche un festival di un’ora può attrarre visitatori da ogni parte del mondo, probabilmente penseresti che stiamo esagerando. Mai sentito parlare della Tomatina, la festa a base di pomodori più amata di sempre? Si tratta della più grande battaglia a suon di pomodori al mondo, che attira migliaia di visitatori a Buñol, in Spagna. L’ultimo mercoledì di agosto, verso mezzogiorno, orde di persone dipingono la città di rosso lanciandosi addosso oltre 150.000 pomodori (sembra che vengano usati solo pomodori troppo maturi o di scarsissima qualità, perciò lo spreco di cibo non sussiste. Secondo gli abitanti locali, la salsa di pomodoro può essere lavata via dagli edifici solo con dei getti d’acqua). Questo festival non vuole essere un’ode ai pomodori, né tantomeno intende celebrarne il raccolto: la Tomatina iniziò semplicemente come una battaglia a base di vivande negli anni ’40. L’anno successivo, la gente si riunì nuovamente, questa volta armata di pomodori; il resto è storia.

5) Pioggia di arance in Italia
L’Europa del sud sembra amare particolarmente i combattimenti con il cibo, e la Battaglia delle Arance in Italia ne è la prova. Ogni anno, nei 3 giorni che precedono il Martedì Grasso, gli abitanti di Ivrea, in Piemonte, si lanciano addosso più di 500.000 arance. Lo scopo del festival non è affatto quello di combattere l’influenza con un’overdose di vitamina c, ma risale invece al Medioevo quando Violetta, la figlia di un mugnaio, tagliò la testa al tiranno locale che le aveva fatto delle avances indesiderate. La donna ispirò i concittadini a ribellarsi, ad assediare il palazzo e a liberare la città. Così, ogni anno, gli abitanti di Ivrea commemorano l’evento vestendosi da popolani o da tiranni e fronteggiandosi a suon di arance; i primi per strada e i secondi sui carri. Gli spettatori di questa succosa carneficina possono assistere alla battaglia dietro alle reti di sicurezza oppure indossando un cappello rosso come protezione, ma in ogni caso, c’è da aspettarsi 3 giorni movimentati e “imbrattati”.

6) Danze e colori in India
Se l’idea di lanciare frutta, acqua e fango addosso alla gente ti diverte, allora il festival indiano Holi è quello che fa per te. L’Holi, come puoi notare dai social media e dagli screensaver di tutto il mondo, è il festival religioso indiano in cui la gente si riunisce in strada per cantare, ballare e lanciarsi addosso polvere colorata per festeggiare l’inizio della primavera e il trionfo del bene sul male. La polvere non è solo piacevole da guardare, ma ogni colore racchiude un particolare significato: il rosso rappresenta l’amore e la fertilità, il giallo è il colore della salute e della prosperità, il blu rappresenta la divinità induista Krishna e il verde è il colore del nuovo inizio. La vernice può lasciare ricordi indelebili sui tuoi abiti, perciò scegli con cura cosa indossare.

7) Impiastricciarsi di fango in Corea del Sud
Se ami le maschere di fango per pulire e purificare la pelle, il Festival del Fango di Boryeong, in Corea del Sud, non deve assolutamente mancare dalla tua lista di cose da fare. Questo evento di 10 giorni, in estate, incentrato completamente sul fango, non ha alcuna connotazione religiosa o spirituale. Inizialmente, infatti, non era altro che una trovata pubblicitaria dell’industria cosmetica per promuovere il famoso fango della zona. Una trovata alquanto vincente! Oggi, il festival del fango più grande al mondo attrae milioni di appassionati, che partecipano a qualsiasi attività che preveda l’uso della terra umida e bagnata, come bagni, lotte, scivolate, giochi, balli e battaglie. La data per il 2019 del Festival del Fango di Boryeong non è ancora stata confermata, ma l’evento dovrebbe svolgersi verso la metà di luglio.

Comments

comments