Fantasmi inquietanti, spettri sinistri e streghe fastidiose: il macabro si celebra un po’ ovunque nel mondo, seppure in modi diversi. Scopri le varie tradizioni intorno alla commemorazione dei defunti nei diversi paesi del mondo. Se ne hai il coraggio, ovviamente!

1. Messico

Non esiste atmosfera più spettrale di quella messicana durante il Día de los Muertos, o “Giorno dei Morti”. Questa tradizione ricorre ogni 1° novembre ed è resa famosa dai costumi eclettici indossati dalla gente per rendere omaggio ai loro cari defunti. Queste folle di scheletri dai visi variopinti svolgono un ruolo primario nelle celebrazioni e si occupano di allestire altari privati chiamati ofrendas, che vengono usati per portare offerte (da tequila a teschi di zucchero) ai defunti. Se ti trovi nei paraggi di Città del Messico, visita un cimitero avvolto dalle luci delle candele e passeggia tra le lapidi ornate di diversi omaggi. Sarà una serata che non dimenticherai mai, sicuramente non in questa vita…

2. Irlanda

Si dice che la festa di Halloween sia stata celebrata per la prima volta proprio su questa isola avvolta da un manto di nubi. Non c’è da sorprendersi, considerando i colli ventosi e le atmosfere sinistre propri dell’Irlanda. Qui, la festa più spaventosa dell’anno viene celebrata ancora oggi e in diversi modi. Ad esempio, non perderti il carnevale più grande d’Europa, il Banks of the Foyle. Immergiti in questa atmosfera particolare e assisti a una parata grandiosa. Visita le case dei fantasmi, poi lasciati circondare da scheletri, vampiri, spettri e streghe raccapriccianti, protagonisti di rappresentazioni che ti faranno rizzare i capelli. E se l’atmosfera sinistra dei paesaggi rurali non ti soddisfa, raggiungi Dublino e scopri una città popolata da fantasmi e spiriti maligni.

3. Hong Kong

Perché festeggiare i defunti per un solo giorno, se puoi farlo per un mese intero? L’Hungry Ghost Festival, conosciuto anche come Zhongyuan Festival, si celebra a Hong Kong e in tutta la Cina. Secondo la credenza popolare, durante questo periodo dell’anno i defunti tornano dall’oltretomba per visitare i vivi. Per quale motivo? Per mangiare, divertirsi e, ovviamente, combinare guai! Per placare la sofferenza degli spiriti, vengono bruciate delle offerte nelle strade delle città. Inoltre, ogni sera si organizzano spettacoli dal vivo e concerti. Tra parate, banchetti e prodotti di artigianato, questo festival accoglie i defunti e diverte i vivi.

4. Stati Uniti

La tradizione della festa di Halloween nasce in Irlanda e Scozia ma, a partire dal XIX secolo, viene celebrata anche negli Stati Uniti. Il 31 ottobre di ogni anno, adulti e bambini indossano costumi, intagliano zucche e girano di casa in casa per chiedere caramelle. Queste divertenti attività, a prima vista per niente maliziose, assumono un aspetto sinistro se immerse in un’atmosfera ricca di fantasmi e spettri. Se tutto ciò ti incuriosisce, New Orleans, con la sua atmosfera malinconica, è il posto che fa per te. Preparati a scoprire la lugubre storia della città e avvicinati a streghe, fantasmi, riti vudù e vampiri durante un tour dei luoghi più spettrali di New Orleans, dove i fantasmi infestano ancora diverse proprietà residenziali.

5. Haiti

Spiagge bellissime, cascate possenti… L’isola caraibica di Haiti è piena di meraviglie. Tuttavia, la sua storia ha anche delle caratteristiche alquanto inquietanti. Il festival locale, noto come l’equivalente vudù del Martedì grasso, del Giorno dei Morti e di Halloween messi insieme, è un rituale straordinario. Si tratta del Fet Gédé, o “Festival degli antenati”, ed è la festa in cui si rende onore ai defunti. I rituali sono accompagnati da ritmi di tamburi, da canti e dalla luce di centinaia di candele. La folla raggiunge i cimiteri in cui sono sepolti gli antenati e, nell’oscurità della notte, festeggia con musica e processioni e dona rum speziato e altre offerte ai defunti.

6. Romania

Immagina un nostalgico paesaggio di montagne rocciose e aggiungivi grandi chiese in pietra e castelli affascinanti. Eccoti in Romania, il luogo ideale per trascorrere questo periodo dell’anno. Qui il 29 novembre è la Notte degli Spiriti, anche detta Noaptea Strigoilor, nonché la vigilia del giorno di Sant’Andrea. È la sera in cui tutti si raccolgono in preghiera per chiedere protezione dai lupi che errano nelle montagne circostanti. Oltre a ospitare licantropi e vampiri, la Romania è anche il paese del celebre Castello di Dracula, in Transilvania. Arroccato sulla cima di una montagna, questo monumento nazionale è avvolto da un’aura di mistero e leggenda. Esplorane le varie torri e torrette e ricorda che il castello era un tempo la dimora di uno dei succhiasangue più famosi del mondo.

Comments

comments