Viaggiare in modo responsabile è molto più di un semplice trend. È un tipo di turismo che ha giocato un ruolo importante in cambiamenti positivi come l’etica della conservazione e i mezzi di trasporto ecologici. L’ultima novità del turismo responsabile ad attirare maggiormente l’attenzione è quella di viaggiare in maniera consapevole. Il concetto che sta alla base di questa etica è che chiunque può avere un impatto positivo sulla propria destinazione turistica. Ecco 6 consigli per viaggiare in modo responsabile durante il tuo prossimo viaggio.
Incontra gli elefanti del Lanna Kingdom Elephant Sanctuary a Chiang Mai.

1. Supporta i rifugi etici per gli animali

Sono stati fatti grandi passi avanti per garantire che i rifugi per animali in tutto il mondo vengano gestiti in modo etico. Se hai l’opportunità di andare a visitare un rifugio in cui gli animali vivano felici (dove siano, cioè, ben nutriti, in salute, al sicuro e a proprio agio), non pensarci due volte! Scegliere attività animal-friendly, come per esempio visitare questo rifugio per elefanti in Thailandia oppure questo rifugio per uccelli kiwi in Nuova Zelanda ha solo aspetti positivi; passerai un po’ di tempo con gli animali e avrai la coscienza a posto.

Scopri la tua destinazione di viaggio provando la cucina locale.

2. Prova la squisita cucina locale

Vai in vacanza per vivere un’esperienza nuova e diversa, giusto? Beh, l’irresistibile richiamo di divorare cibi che già conosci si farà vivo. Sai bene di cosa stiamo parlando: sono quei piatti che conosci bene, che ti mettono a tuo agio e soprattutto di cui riesci a pronunciare il nome. Se stai per cedere alla tentazione di una delle solite catene di fast food, fermati un attimo a pensare. Ci sono così tante prelibatezze locali che puoi provare proprio sul posto. Cose che non potrai provare una volta tornato a casa! Inoltre, mangiare cibo locale, come si fa, per esempio, in questo tour gastronomico di Atene, sostiene il luogo che stai visitando. Supportare questa causa ha un sapore davvero eccezionale.

Girare la tua destinazione in bicicletta contribuirà a ridurre la tua impronta di carbonio.

3. Riduci la tua impronta di carbonio

La diffusione di scooter elettrici e del sistema di bike sharing testimonia come sia possibile ridurre l’impronta di carbonio quando si è in vacanza. Tante città in tutto il mondo portano avanti iniziative del genere, dandoti l’opportunità di visitare i propri luoghi di interesse su due ruote. Molte destinazioni turistiche offrono persino tour su mezzi di trasporto ecologici.

A Singapore, puoi imparare tutto sullo sviluppo sostenibile di Marina Bay mentre viaggi a bordo di uno scooter elettrico. Per quanto usare la bicicletta al posto dell’auto abbia un ottimo impatto ambientale, è molto probabile che tu abbia raggiunto la tua destinazione in aereo. Per fortuna ci sono modi per ridurre l’impatto che volare ha sull’ambiente. Skyscanner ora mette in evidenza gli aerei che emettono meno CO₂, consentendoti così di scegliere il percorso a minor impatto ambientale. Alcune compagnie aeree hanno anche avviato programmi che compensano le tue emissioni di carbonio per una cifra ragionevole.

Attraversa la foresta pluviale thailandese facendo ziplining.

4. Cerca esperienze che finanziano la salvaguardia ambientale

L’ascesa del turismo ecologico è incredibilmente inarrestabile. Mentre in passato si trattava solo di un trend portato avanti da pochi, oggi è invece davvero facile dare il proprio contributo rispettando l’ambiente quando si è in vacanza.  Ci sono tante grandi associazioni e aziende locali che organizzano attività a basso impatto ambientale. Prendiamo questa zipline in Thailandia, per esempio. Trascorrerai una giornata sfrecciando da un albero all’altro in una foresta tropicale ricca di biodiversità. Il denaro raccolto da questa esperienza sarà fondamentale per preservare un prezioso ecosistema.

Fare volontariato in un rifugio per animali è un modo fantastico per dare qualcosa in cambio alla regione che visiti.

5. Aiuta la comunità che ti accoglie

Dare qualcosa in cambio alla comunità che si visita è un concetto fondamentale per chi viaggia in modo consapevole. In Costa Rica, il centro di salvaguardia della fauna selvatica di La Fortuna educai visitatori alla protezione e alla riabilitazione degli animali locali. Questa esperienza educativa ti dà l’opportunità di affiancare una guida qualificata durante il processo di salvataggio di animali selvatici e del reinserimento nel loro habitat naturale. Fare volontariato qui per uno o due pomeriggi è il modo ideale per riconnettersi con la natura e comprendere meglio uno dei più fragili ecosistemi al mondo.

Dì addio alla plastica. Nel tuo prossimo viaggio, porta con te una bottiglia o un thermos ricaricabili.

6. Scegli alternative riutilizzabili invece della plastica monouso

Questo suggerimento vale per tutti i giorni, non soltanto durante le vacanze. Sappiamo benissimo quanto la plastica monouso sia nociva per le spiagge, per il verde e per gli oceani, che ne sono già pieni. Per fortuna le cose ora stanno cambiando. Luoghi come il Kenya, Bali e lo Sri Lanka hanno vietato l’uso di tutte le plastiche monouso o delle buste di plastica.

Quando si è in vacanza è facile ricascare nell’abitudine di ordinare una bevanda con cannuccia usa e getta o di acquistare una bottiglia d’acqua di plastica e poi gettarla subito nell’immondizia una volta finita. La soluzione è semplice: porta con te una bottiglia riutilizzabile e riempila quando trovi una fontana o un rubinetto con sistema di purificazione dell’acqua. Può sembrare un gesto molto piccolo, ma in questo modo risparmierai tanta (tantissima!) plastica.

Comments

comments