Pochi santi vengono celebrati in tutto il mondo come San Patrizio, il santo patrono d’Irlanda. Strade che si colorano di verde, trifogli, parate e balli: tutto all’insegna dell’allegria. Non male per un uomo rapito dalla sua casa da giovane, no? 

Ebbene sì, questo non è l’unico aneddoto inaspettato su Paddy (così come lo chiamano gli irlandesi). Prima di vestirti di verde per il grande giorno, scopri qual era in realtà il colore scelto da San Patrizio: possiamo già svelarti che non si trattava di questo colore. E quei trifogli che stai dipingendo sul viso? Sono più significativi di quanto tu ti possa aspettare. Continua a leggere per scoprire 8 cose sulla festa di San Patrizio che forse non conoscevi.

San Patrizio era uno schiavo

Vista sull'Isola di Smeraldo

Se vuoi divertirti il 17 marzo, non c’è posto migliore dell’Isola di Smeraldo. Eppure, nel IV secolo, San Patrizio non era proprio in vena di far festa. Per prima cosa, la sua casa in Gran Bretagna fu rasa al suolo dai razziatori (sì, proprio così: la Gran Bretagna, non l’Irlanda). Ciò che è peggio, è che il sedicenne Paddy fu portato in Irlanda e tenuto prigioniero per sei anni. In seguito, riuscì a fuggire attraversando il mare d’Irlanda e iniziò la sua formazione religiosa. Si narra che, più tardi, San Patrizio (o Maewyn Succat, com’era allora conosciuto) tornò nell’Isola di Smeraldo e la liberò dai serpenti.

San Patrizio indossava in realtà abiti blu

Uomo vestito di blu che indossa un costume di un uomo a cavallo

Se scegliessi di vestirti di blu per la festa di San Patrizio, salteresti all’occhio in una delle sue parate come un pugno nell’occhio. Eppure, se oggi il santo stesse sfilando per le strade di Dublino, saresti in buona compagnia. Infatti, la maggior parte degli storici concorda sul fatto che indossasse abiti blu, non verdi. Dopo la ribellione irlandese del 1798 contro il dominio britannico, il trifoglio divenne simbolo di nazionalismo e, presto, indossare indumenti verdi si trasformò nel simbolo della lotta per l’indipendenza irlandese. L’avresti mai detto?

Il trifoglio simboleggia la Trinità

Donna con un trifoglio dipinto sul viso

Oggigiorno siamo sommersi da loghi riconoscibili e che ci permettono di identificare a prima vista il marchio di un’azienda. Nel IV secolo, non era molto diverso. Quando San Patrizio venne in Irlanda come missionario, scelse il trifoglio come simbolo del cristianesimo. Perché? Le sue tre foglie rappresentavano alla perfezione Dio Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Per quanto riguarda il quadrifoglio, invece, la leggenda narra che Eva portasse una pianta simile nel giardino dell’Eden.

La festa non sbarcò nei bar irlandesi prima degli anni ‘60

Un uomo e una donna in un bar che brindano con una birra

È conosciuto in tutto il mondo come uno dei giorni più alcolici dell’anno. Tuttavia, fino al 1961, non si poteva bere nei pub irlandesi il giorno di San Patrizio. Il paese, fortemente cattolico, era preoccupato per l’abuso di alcol durante la quaresima e, per questo motivo, il governo obbligò tutti i pub a chiudere il 17 marzo. Dagli anni ’60, però, i bar irlandesi cambiarono rotta e così ebbe inizio la tradizionale celebrazione accompagnata da fiumi di birra.

Le parate di San Patrizio nacquero negli Stati Uniti

Vista sul fiume Chicago in verde con un battello che passa sotto a un ponte

Se hai sempre pensato che San Patrizio fosse sinonimo di Irlanda, in realtà dovrai ricrederti perché si tratta di un fenomeno globale. Basti pensare che le parate in suo onore iniziarono negli Stati Uniti. Nel 1762, i soldati irlandesi dell’esercito inglese iniziarono a celebrare questa giornata con marce attraverso New York. Oggi, il consiglio comunale di Chicago impazzisce così tanto per questa festa tanto da tingere di verde il fiume che attraversa la città.

Il riconoscimento del 17 marzo è opera di un prete francescano

Gruppo di persone durante una parata; in testa al corteo, c'è un uomo vestito da prete

Quando brinderai a San Patrizio, prova a ricordarti anche del meno conosciuto Luke Wadding. Infatti, senza l’influenza di questo prete francescano, oggi probabilmente non festeggeremo neanche questo giorno. Wadding era un forte sostenitore dei cattolici irlandesi oppressi presso il Vaticano a Roma e spinse affinché la Chiesa riconoscesse il giorno dedicato a San Patrizio. Eppure, il suo intento era certamente ben diverso dai festeggiamenti odierni, infatti, si dice che abbia onorato il 17 marzo con grande solennità!

San Patrizio è il santo patrono di Monserrat e dell’intera Irlanda

L'isola caraibica di Monserrat

Il giorno di San Patrizio è per antonomasia il giorno in cui ci si traveste da folletti e si tracannano litri di Guinness. Tuttavia, sull’isola caraibica di Montserrat, le celebrazioni sono un po’ più significative di così. Il 17 marzo 1768, ci fu una fallita ribellione degli schiavi sull’isola. Ma qual è la connessione con l’Irlanda? Beh, gli irlandesi furono alcuni dei primi coloni e oggi si ricorda questa giornata con un festival in onore della rivolta della durata di dieci giorni.

Gli irlandesi omaggiano il presidente USA con una ciotola di trifogli ogni anno

Immagine di trifogli

La fortuna non è l’unica cosa che serve per fare bene il lavoro più importante del mondo, ma di certo può aiutare. Ogni anno, il Taoiseach, il capo del governo irlandese, si reca a Washington e regala al presidente americano in carica una ciotola di Waterford Crystal piena di trifogli: una tradizione che si tramanda dagli anni ’50. Non sappiamo se funzioni, in ogni caso è sicuramente di buon auspicio.

Ricevi consigli di viaggio direttamente per email. Iscriviti alla newsletter.

Comments

comments