Aggiungi date

Porto Flavia

Porto Flavia: le attività e i tour più consigliati

Cava Porto Flavia: tour delle bellezze naturali da Cagliari

1. Cava Porto Flavia: tour delle bellezze naturali da Cagliari

Viaggia da Cagliari a Iglesiente, una delle piú antiche zone della Sardegna con un paesaggio selvaggio, conosciuto per la sua storia mineraria. Scopri la cava Porto Flavia, uno straodinario monumento di archeologia industriale che domina un'incredibile costa, con una vista mozzafiato sul Mar Masua.   Costruito nel 1924, Porta Flavia è un incredibile lavoro di ingegneria sospesa tra cielo e mare che ha reso possibile caricare i minerali direttamente sulle navi. Cammina lungo il tunnel di 600 metri e scopri la storia della miniera che rimase funzionante fino al 1960.  Successivamente, visita il Parco Geominerario della Sardegna (parco Geominerario della Sardegna), dichiarato patrimonio mondiale Unesco. Dopo la visita, goditi una sosta presso l'incredibile costa di Nebida, a piedi attraverso la panoramica strada davanti agli impianti di lavaggio dei minerali della Laveria La Marmora prima di tornare a Cagliari.

Cagliari: tour di Porto Flavia

2. Cagliari: tour di Porto Flavia

Vedi com'è stato assemblato uno speciale equipaggio di minatori esperto in esplosivi e arrampicata. Hanno lavorato a turni, giorno e notte, per completare gli scavi a tempo di record. Nonostante le misure di sicurezza praticamente ignorate per accelerare i lavori, non sono state segnalate vittime nella fase di costruzione. Poiché il tunnel era senza angoli o fosse, la tecnica utilizzata normalmente per la perforazione con dinamite era impossibile (l'equipaggio utilizzava tali angoli e fosse come riparo mentre le cariche esplodevano a pochi metri di distanza). Invece, piccole cavità sono state scavate a distanze regolari per consentire ai lavoratori di ottenere la copertura necessaria dopo l'accensione degli esplosivi. Sono ancora visibili nel tour guidato.  I lavoratori hanno iniziato la perforazione della galleria superiore, 37 metri (121 piedi) sul livello del mare con la dinamite e trapani meccanici (molte miniere, al tempo utilizzavano principalmente picconi) fino a raggiungere il mare. Poi, appesi a delle corde, hanno iniziato la perforazione del tunnel inferiore dalla facciata della scogliera, 16 metri (52 piedi) sul livello del mare, che vanno nella direzione opposta sotto la galleria superiore. In questo modo, potevano scaricare le rocce rimosse direttamente in mare. Infine, i serbatoi venivano scavati creando buchi nella roccia basaltica partendo dal fondo della cavità e salendo. Questo processo facilitava ancora una volta la rimozione di macerie, anche se questa procedura era pericolosa. Ciascun serbatoio di stoccaggio aveva un diametro dai 4 agli 8 metri (da 13 a 26 piedi) e 20 metri (66 piedi) di altezza. Le prese d'aria venivano aperte sul lato delle gallerie. Portelli in ferro meccanici venivano installati insieme alla ferrovia elettrica nel tunnel superiore. Il treno portava il minerale ai carrelli dei serbatoi, mentre nel tunnel inferiore i carrelli di scarico trasportavano il minerale al nastro trasportatore che porta alle navi. Il nastro era stato coperto con un involucro di acciaio per evitare che il vento soffiasse via la polvere di ossido di zinco. Era estendibile e si ritraeva dopo che un carico veniva consegnato alla stiva della nave. Il nastro trasportatore principale era caratterizzato da un innovativo sistema di allineamento mobile, progettato per ridurre il rischio che la cinghia sfuggisse alle ruote motrici sotto la pressione del minerale in caduta. La fascia principale scaricava il minerale sul nastro trasportatore estensibile che si trovava leggermente più in basso, e che si poteva protendere per 15 metri (49 piedi), e incanalava la polvere minerale in un pozzo verticale che andava nella stiva di una nave ormeggiata. I lavori per la sua costruzione sono durati solo due anni, fino al 1924, un periodo di tempo straordinariamente breve per un lavoro di quelle dimensioni. Le estremità dei tunnel di fronte al mare sono state adornate con torri di calcestruzzo e targhe decorative. Non erano necessarie per l'operazione, ma il proprietario della società aveva chiesto che fossero costruite come un marchio di prestigio. La figlia di Vecelli, Flavia, era nata nel 1924 e l'ingegnere era riuscito a ottenere dalla società il consenso per dedicarle il porto.

Porto Flavia e Grotte Is Zuddas: tour da Chia

3. Porto Flavia e Grotte Is Zuddas: tour da Chia

Immergiti nella natura della regione del Sulcis nella Sardegna meridionale e ascolta la storia di un gruppo di minatori che hanno lavorato a turno per scavare le sorprendenti grotte di Is Zuddas in tempi record. Ubicata vicino alla località di Santadi, questa rete di grotte rappresenta una meta magica con una storia naturale risalente a più di 530 milioni di anni! Lasciati incantare dalla natura incontaminata del Mediterraneo. Entra quindi all'interno delle grotte, mentre osservi come la perforazione iniziata 37 metri sul livello del mare stia continuando a creare bacini idrici per mezzo di buchi nella roccia di basalto. Scopri inoltre come sono stati installati i portelli meccanici di ferro e una ferrovia elettrica adibita al trasporto dei minerali alle navi in attesa. Concediti un viaggio indimenticabile attraverso la storia della Sardegna e delle rocce più antiche d'Europa. Esplora le tradizioni del Sulcis e gusta un pasto opzionale nella migliore trattoria della zona. Approfitta della conoscenza della tua guida locale e ascolta aneddoti interessanti sulla derivazione del nome Porto Flavia.

  • Tour guidati
  • Tour privati

Porto Flavia: altri luoghi da visitare

Vuoi scoprire tutte le attività disponibili a Porto Flavia? Clicca qui per la lista completa.

Porto Flavia: le opinioni degli altri viaggiatori

Valutazione generale

5.0 / 5

basata su 3 recensioni

Grande tour con viste spettacolari sulla costa. Visitare le miniere è un'aggiunta interessante alla tua solita esperienza in Sardegna. Franco è una guida eccezionale che può darti molti spunti sulla ricca storia della Sardegna.